POTATURA E MESSA IN SICUREZZA CUPRESSUS LUSITANICA AI GIARDINI BOTANICI HANBURY

Nel mese di dicembre 2021 ai Giardini Botanici Hanbury si è provveduto a mettere in sicurezza, attraverso una potatura mirata, un esemplare vetusto di Cupressus lusitanica, classificato quale “albero monumentale”.

LA DEFINIZIONE GIURIDICA DI ALBERO MONUMENTALE E I CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CARATTERE DI MONUMENTALITÀ 

L’articolo 7 della Legge n. 10/2013 individua come monumentali:

- l’albero isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali, ovunque ubicato, che costituisca raro esempio di maestosità e/o longevità o che mostri un particolare pregio naturalistico per rarità della specie o che costituisca un preciso riferimento ad eventi o memorie rilevanti dal punto di vista storico, culturale, documentario e delle tradizioni locali;

- i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, storico e culturale, ivi compresi quelli inseriti nei centri urbani

- gli alberi inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private

La potatura, come da normativa, è stata autorizzata dall’Ufficio manutenzione e Verde Pubblico del Comune di Ventimiglia, visto il nullaosta del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ed è stata effettuata da un’ equipe di professionisti del settore (http://www.superalberi.it) , che dopo aver effettuato una meticolosa indagine visiva e strumentale, sono intervenuti in modo mirato seguendo le “Linee guida per gli interventi di cura e salvaguardia degli alberi monumentali” a cura  del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Conservazione come albero habitat (monolith)
Si è scelto di procedere con la conservazione dell’esemplare come albero habitat, ridotto in altezza del tanto necessario a garantire la diminuzione del rischio di sbrancamento fino ad un livello accettabile.

Questo sarà destinato a deperire gradualmente trasformandosi nel tempo, grazie ai naturali processi di degradazione del legno favoriti dalla colonizzazione da parte di fauna saproxilica e funghi cariogeni.
Invece di praticare tagli netti orizzontali sono stati creati dei tagli a corona (coronet cut) o, dove praticabile, la potatura a spacco, che simula la rottura naturale di rami e branche. In questo modo la superficie di taglio verrà più facilmente colonizzata da organismi saproxilici.
L’aspetto finale risulta molto meno artificiale ed artefatto.

E’ stato inoltre accatastato il legno di risulta grossolano derivato dalla potatura al piede dell’albero, per consentirne una lenta degradazione e creare ulteriore spazio e varietà nell’insieme dei micro-habitat disponibili.

VIDEO POTATURA REALIZZATO DALL'EQUIPE DI SUPERALBERI


Informazioni e contatti

Quando:
Dove:
Giardini Botanici Hanbury
Referente:
Giardini Botanici Hanbury
Contatti:
Giardini Botanici Hanbury